Home : Natura : La Burcina: la natura vista dall'uomo

Il parco Burcina

sito web parco Burcina

L'amore per la natura, una notevole conoscenza botanica e frequenti viaggi in Inghilterra in occasione delle aste delle lane furono i presupposti che spinsero verso la metà dell'800, Giovanni Piacenza a piantare nella parte bassa del Brich Burcina gruppi di conifere come sequoie, cedri e pini. Il figlio Felice continuò l'opera per più di 50 anni. Frequentando il mondo dell'arte egli acquisì una sensibilità che gli consentì di creare, senza l'aiuto di un paesaggista, il parco come lo si vede oggi.

La grandiosa massa di faggi rossi, il viale dei liriodendri e la conca dei rododendri, con oltre 700 piante alte sino a 11 metri, in fiore verso metà maggio, sono opere sue.

Negli anni cinquanta la strada ha raggiunto la vetta dove ancora si possono ammirare resti di un insediamento celtico e la torre S. Martino del 1800.


Nel 1980 è stata istituita la Riserva Naturale Speciale del Parco Burcina "Felice Piacenza"; recentemente è stato impiantato un meleto che raccoglie le vecchie varietà di mele locali e istituita l'area dedicata all'apicoltura.


Comune di Pollone - 13814 Pollone (BI) 1, PIAZZA VINCENZO DELLEANI tel: 015 61191